Cacao meravigliao, super food degli dei

Condividi su
cacao
cacao

Cacao – Il cacao è stato coltivato in Messico fin dall’antichità e attraverso i secoli ha assunto  il ruolo di moneta, offerta rituale e alimento. Il primo contatto degli europei con il cacao è avvenuto attraverso l’esperienza di una bevanda fredda chiamata dagli Aztechi xocoatl, acqua amara. Dopo averla assaggiata Hernán Cortés decise di metter su una piantagione, portò in Spagna semi e strumenti predisponendo l’avvento della passione europea per il cioccolato. L’entusiasmo portò Linneo a definirlo come Theobroma cacao, cibo degli dei. Dopo un secolo e mezzo di cioccolato in tazza, nell’Ottocento videro la luce a Torino i primi cicolaté e gianduiotti, antenati di tutti i moderni cioccolatini. In tutte le sue forme il cacao fa bene e fa stare bene, le sue innumerevoli proprietà lo rendono a tutti gli effetti la star dei super food. Ma esploriamone le doti più nel dettaglio.

Cacao meravigliao, super food degli dei

Teobromina e caffeina contro stanchezza e cellulite

Il cacao contiene circa lo 0,6-0,8% di caffeina e il 2% di teobromina, un alcaloide dall’azione diuretica, cardiotonica e vasodilatatrice. La caffeina, oltre ad essere un ottimo tonico per l’organismo, è un ingrediente perfetto per le creme viso e contorno occhi perché contribuisce a conferire un aspetto energizzato e fresco alla pelle. Teobromina e caffeina, insieme, sono capaci di accelerare il metabolismo dei grassi, evitano accumuli adiposi, migliorano il tono della pelle e contrastano la cellulite. Sono ingredienti comuni di molti integratori brucia grassi e creme per il trattamento della cellulite, da replicare a casa con un impacco-scrub a base di fondi di caffè, cacao, sale grosso e olio essenziale di arancio.

 

Amaro anti-età

I polifenoli sono i responsabili del sapore amaro ed astringente del cacao ma hanno un potente effetto antiossidante, tanto che l’indice ORAC (che classifica il potere antiossidante degli alimenti) è 19 volte maggiore di quello della mela. Tannini e flavonoli sono altri potenti antiossidanti che combattono i radicali liberi, promuovono la sintesi del collagene, prevengono l’invecchiamento dovuto all’età e il fotoinvecchiamento.

 

Integratore completo per il buonumore

Nel cacao ci sono oltre 400 sostanze diverse tra cui alcune più conosciute come magnesio, calcio e ferro, ed altre simili alle endorfine, che favoriscono eccitazione e buonumore. Contiene potassio, un oligoelemento importante nella trasmissione dell’impulso nervoso e nella contrazione muscolare, e  triptofano  un aminoacido coinvolto nella sintesi della serotonina, l’ormone del buonumore. Ha un marcato potere antidepressivo, interviene nel controllo dell’appetito, nella riduzione del dolore e dona un generale senso di benessere.

 

In cucina

Le possibilità culinarie del cacao sono ancora inesplorate e non si fermano certo a dolci, creme e cioccolatini. Con il cacao è possibile fare tagliatelle, ravioli, brasati  e risotti. Quanto al burro, ottenuto per spremitura a caldo e filtrazione dei semi contenuti nelle fave, è possibile usarlo in cucina per dare un gusto ricco e avvolgente anche a piatti vegan .  Può essere utilizzato come alternativa vegetale al burro nella preparazione di torte e glasse e sostituito in tutte le ricette dopo averlo sciolto a bagnomaria. Contiene acidi grassi monoinsaturi, come l’acido oleico e linoleico, alleati del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso.

 

Non limitarti ai dolci e lasciati tentare dalle ricchissime possibilità offerte da cacao e dai suoi derivati in cucina, ti sorprenderà!

Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di Benedetta Mori

Lascia un commento